Il mio pesto alla genovese

Pesto_genovese

Da alcuni anni coltivo sul mio terrazzo il basilico. Nel mese di maggio metto giù qualche piantina che piano piano cresce e per tutta l’estate poi accompagna i miei piatti estivi più freschi, prima fra tutti la panzanella!

A fine agosto la pianta è ancora verde, rigogliosa, così raccolgo le foglie più belle per fare il pesto alla genovese e conservarlo in freezer.

Lavo bene il basilico, lo metto ad asciugare sopra un canovaccio e preparo gli altri ingredienti.

La dose che vi suggerirò è molto abbondante! Può bastare per condire la pasta per 4 persone ben tre volte!!

  • 100 gr di pinoli
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • 80-100 foglie di basilico
  • Parmigiano Reggiano DOP in abbondanza
  • olio extra vergine di oliva q.b
  • sale q.b.

Tiro fuori il mio robot da cucina e mixo tutti gli ingredienti.

Particolare-Pesto-genovese

Io ne faccio molto e lo conservo in congelatore. Si può conservare per qualche settimana anche in frigo, in un barattolo di vetro, ma deve essere ben ricoperto dall’olio di oliva.

Il mio basilico è genuino e biologico! … e il mio pesto è senza conservanti, così posso darlo con tranquillità alla mia bambina che ne è  ghiotta.

Per riporlo in freezer uso un contenitore per cubetti di ghiaccio con coperchio,così è anche ben porzionato, un cubetto è sufficiente per due persone.

Questa è una ricetta che ho un po’ personalizzato; nel vero pesto alla genovese si aggiungono fagiolini e patate che sono state lessate nell’acqua di cottura della pasta ma  a me piace farlo così!

Variante sweet sweet house:

Pesto alla genovese con i podomorini

Spesso quando faccio la pasta al pesto, aggiungo anche dei pomodorini ciliegini:

Pomodorini-per-pesto

In una padella faccio soffriggere uno spicchio d’aglio in un po’ d’olio e.v.o, poi aggiungo i pomodorini spaccati a metà e un po’ di sale; faccio cuocere per qualche minuto senza coperchio. Quando la pasta è cotta la condisco con il pesto poi aggiungo i miei pomodorini.

Provate anche voi e sentirete quanto è buona!

Annunci

12 thoughts on “Il mio pesto alla genovese

  1. anche io lo faccio cosi…unica differenza è che uso il pecorino bio al posto del parmigiano…ma mai mai mai l’ho fatto con i pomodorini e aglio che bella idea…la farò sicuramente..fresca leggera e stuzzicante e sono certa che piacerà!!!

  2. troppo carino il tuo blog, complimenti! Già che siamo in tema di pesto volevo chiederti un consiglio: ho provato a farlo a casa con il basilico del mio orto, ma è venuto un po’ scuro.. ho chiesto qua e là e mi hanno detto che forse ho usato troppo il robot da cucina e le lame si sono surriscaldate scurendo il basilico. Ti è mai capitato? Hai dei suggerimenti da darmi per evitare che accada?

  3. Grazie per i complimenti e…benvenuta in Sweet sweet huose!
    Riguardo al pesto, in passato è capitato anche a me qualche volta …facendolo frullare troppo si surriscalda anche il pesto e può cambiare anche il sapore.
    S ti piace frullato un po’ grossolanamente come piace a me, puoi ridurre i tempi del robot da cucina; altrimenti puoi provare a frullare il basilico a parte, eventualmente aggiungendo solo alla fine un po’ d’olio evo, se necessario, e poi mescolarlo agli altri ingredienti già mixati… altrimenti, se hai tempo a disposizione, acquista un mortaio e vedrai che pesto speciale ti verrà !
    Ciao Chefdilibri …e torna quando vuoi!

  4. La variante che proponi è proprio interessante, addirittura più del pesto classico: è più innovativa, come piace a me.
    Per evitare che le foglie di basilico scuriscano dando al pesto una colorazione verde bile, Chefdilibri non dovrebbe utilizzare le lame di metallo, ma montare quelle di plastica in dotazione a tutti i robot da cucina.

  5. Che piacere averti nel mio blog!
    Anche a me piace molto la variante con i pomodorini!Trovo che i pomodori diano un tocco molto particolare al pesto e una nota di colore!
    Tu dici che le lame di plastica riescono a tagliare il basilico? Pensa che io le usavo solo per i dolci! Non dsi finisce mai di imparare!
    Grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...